PER RIPULIRE LA DEMOCRAZIA INQUINATA

I RAGAZZI HANNO BISOGNO DI UN GIORNALE LIBERO

di Raniero La Valle  30-12-2011

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia inopinata che lascia francamente smarriti. E soprattutto è una perdita: perché il giornale è stato uno spazio di libertà, in cui nessuno sconto nella critica è stato mai fatto ad alcun potere, e in cui si andava costruendo una prospettiva positiva ed aperta sull’avvenire. E ciò sarebbe tanto più necessario oggi quando, dopo la troppo tardiva caduta del regime berlusconiano, si tratta di ricostruire tutto da capo.

Ed è proprio la fase che oggi stiamo attraversando che renderebbe più che mai necessario un giornale on line come Domani. La fase, ormai chiaramente delineata, è quella di una decostruzione dello Stato sociale, cioè della Repubblica democratica quale è stata disegnata dai Costituenti, una Repubblica che si fa carico dei bisogni e degli interessi vitali dei cittadini, i cui diritti si impegna a “riconoscere”, “garantire”, “tutelare”, “promuovere” “assicurare”, “favorire”. “agevolare”, “rendere effettivi” (che sono le parole usate nella Costituzione), per mettere al suo posto uno Stato liberale classico, che garantisce l’autonomia del capitalismo, ha i bilanci in pareggio, non ricorre al credito per gli investimenti e lo sviluppo, obbedisce alle banche, alle borse, ai mercati e alle agenzie di “rating” e con i soldi delle tasse (non prese a tutti) provvede a pagare i dipendenti pubblici (insegnanti e poliziotti), a mantenere l’ordine (contro criminali e stranieri) e a fornirsi di armi e di armati per le guerre oltreconfine (dette anche “pace”). Tutto ciò viene presentato come un’uscita dal vecchio Stato interventista, spendaccione, clientelare, partitocratico e consociativo, come un magnifico passo avanti verso la modernità e il progresso e come una rivincita della società civile sullo Stato.

A che serve allora un giornale on line? Ad assolvere un compito. A leggere i giornali on line sono soprattutto i giovani, che hanno dimestichezza con le nuove tecnologie e ne sono i fruitori privilegiati, spesso disdegnando gli strumenti tradizionali di comunicazione. Questi giovani non sanno (e il web dovrebbe informarli) che lo Stato liberale in Italia c’è stato già, era uno Stato dei collegi uninominali e maggioritari, tutto clientele e niente partiti, in cui a votare si andava poco, uno Stato che ha fatto una guerra in Libia (per prendersela, togliendola all’Islam ottomano), ha fatto la Prima guerra mondiale (600.000 morti), è finito nel fascismo e alla fine dell’opera ha lasciato un’Italia affamata e distrutta.

La Repubblica democratica viene da lì, ha voluto essere il contrario di quel vecchio Stato liberale, ha sconfitto la linea economica delle vecchie classi dirigenti che con Einaudi, Pella, Corbino volevano perpetuare l’ortodossia liberista, e si è assunto il compito di “rimuovere gli ostacoli”, anche di ordine economico e sociale, che “di fatto” limitano la libertà e l’eguaglianza dei cittadini e impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’esercizio del ruolo politico di “tutti” i lavoratori, come recita l’articolo 3, architrave della nostra Costituzione. Per far ciò la Repubblica, pur con errori e storture, si era data una serie di strumenti operativi che andavano dalla programmazione agli interventi per il Mezzogiorno, dalle partecipazioni statali all’ENI, dalla riforma agraria al piano case, dalla riforma fiscale al servizio sanitario nazionale.

Un giornale on line, nel momento in cui tutto viene rimesso in discussione e la Repubblica rischia di perdere la sua stessa identità, dovrebbe portare ai giovani la memoria storica dell’esperienza già fatta dello Stato liberale, e la memoria critica di ciò che la Repubblica costituzionale e democratica voleva essere, che solo in parte è riuscita ad essere, e che oggi ancora potrebbe essere, e che anzi proprio dai giovani attende di essere compiutamente realizzata. Altro che chiudere!


fonte: http://domani.arcoiris.tv/per-ripulire-la-democrazia-inquinata-i-ragazzi-hanno-bisogno-di-un-giornale-libero-come-domani/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: