Archive for dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA

dicembre 13, 2009

COMUNICATO STAMPA

Da tempo, e come al solito in dichiarazioni volanti ed occasionali, qualcuna recente di maggior significatività, per la sede internazionale in cui è stata pronunciata, il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi annuncia audaci e baldanzose volontà di promuovere una revisione costituzionale nel nostro Paese. La ragione di tanta smania questa volta starebbe nella necessità di liberare il Paese da un infido “partito dei giudici” che, annidato fin nelle più alte istituzioni di garanzia, impedirebbe il sano esercizio della sovranità popolare.

Purtroppo il presidente del Consiglio finge, ancora una volta, di dimenticare che l’esercizio della sovranità popolare nella nostra Costituzione non riguarda la designazione dei governanti ma la composizione delle assemblee parlamentari di Camera e Senato. La sovranità popolare si esprime nel determinare una maggioranza all’interno delle due assemblee elettive, le quali procedono, dopo la designazione di un capo del governo da parte del Presidente della Repubblica, ad accordargli o meno la fiducia.

Le attuali difficoltà personali del presidente del Consiglio, nuovamente alle prese con problemi giudiziari di non piccola portata, possono far comprendere lo sfogo e il risentimento per un vincolo costituzionale – l’autonomia della magistratura – a cui pure lui, come tutti, deve sottostare. Resta invece inaccettabile la minaccia ventilata di un unilaterale mutamento di quegli equilibri costituzionali la cui origine democratica – non si dimentichi – risale all’esito vittorioso della guerra di liberazione, quella per cui il popolo italiano ha potuto riconquistarsi dignità e democrazia.

L’irrisione, se non il disprezzo, nei confronti dei diversi livelli del nostro ordinamento costituzionale che promana dalle esternazioni pubbliche di Silvio Berlusconi, unita all’impiego di un linguaggio che solo il ventennio fascista aveva conosciuto e legittimato, sono un indice molto grave di irresponsabilità personale. La manifesta indisponibilità a corrispondere al rispetto delle leggi, nonché al vincolo di fedeltà alla Costituzione – a cui ha prestato giuramento come capo del governo – rendono Silvio Berlusconi inaffidabile per la democrazia nel nostro Paese.

COMITATO PER LA DIFESA E L’ATTUAZIONE DELLA COSTITUZIONE

www.cdcm.wordpress.com

Merate, 13 Dicembre 2009

Annunci